Tariffa corrispettiva sui rifiuti

Dal 01/01/2016 è istituita la tariffa corrispettiva sui rifiuti, strumento importante per incentivare la riduzione della produzione di rifiuti e l’avvio a riciclaggio. L’applicazione della tariffa puntuale comporta anche una maggiore equità rispetto alla tariffa presuntiva: i rifiuti eccedenti il limite quantitativo previsto o altri servizi accessori sono gestiti in trasparenza senza pesare economicamente sugli altri utenti.

 

Il gestore

La tariffa viene riscossa e gestita da CHIARI SERVIZI SRL, Società interamente partecipata dal Comune. Qualsiasi comunicazione relativa deve essere presentata direttamente a Chiari Servizi.

 

Lo sportello al pubblico

Per informazioni e per la consegna della documentazione ci si può recare presso lo sportello utenze di CHIARI SERVIZI SRL in Piazza Zanardelli 16/A a Chiari.

Recapito telefonico: 030 712553 – interno 2
E-mail: tari@chiariservizi.it

Giorni e orari di apertura:
Dal lunedì al venerdì  dalle ore 9.00 alle ore 12.30

 

Modulistica

Qualsiasi variazione deve essere comunicata a Chiari Servizi Srl, gestore del servizio, mediante la seguente modulistica:

UTENZE DOMESTICHE

Modulo attivazione o variazione utenza domestica formato A3

Modulo attivazione o variazione utenza domestica formato A4

Modulo cessazione utenza domestica

UTENZE NON DOMESTICHE

Modulo attivazione o variazione utenza non domestica formato A3

Modulo attivazione o variazione utenza non domestica formato A4

Modulo cessazione utenza non domestica

 

Come è calcolata

La tariffa corrispettiva è composta da una parte presuntiva e da una parte puntuale.

La parte presuntiva è divisa in due parti: la quota fissa serve a coprire i costi fissi di esercizio (per esempio i costi dello spazzamento delle strade); la quota variabile dipende invece dai costi variabili (per esempio lo smaltimento dei rifiuti). Per le utenze domestiche è calcolata utilizzando come parametri la metratura dei locali e il numero di componenti famigliari. Per le utenze non domestiche è calcolata utilizzando come parametri la superficie delle aree utilizzate e la tipologia di attività.

La parte “misurata” comprende le eventuali raccolte dell’indifferenziato eccedenti la quota base e l’adesione al servizio di raccolta del vegetale.

 

I sistemi di misurazione e la soglia minima di conferimento

La raccolta domiciliare del rifiuto indifferenziato viene effettuata, a seconda dell’ubicazione dell’utenza, tramite la misurazione dei volumi di contenitori svuotati (sistema “tag”) o mediante appositi sacchi da 60 litri (sistema “sacchetto prepagato”).

Il numero di raccolte dell’indifferenziato determinerà la quota relativa all’importo della parte eccedente della tariffa. Nella tariffa “base” saranno comunque inclusi i conferimenti relativi alla soglia minima garantita, riportati nelle tabelle sottostanti.

Svuotamenti utenze domestiche

Svuotamenti utenze non domestiche

Non vengono addebitati conferimenti eccedenti a quelli indicati in tabella:
- alle utenze domestiche con bambini di età inferiore a 3 anni. L’agevolazione viene concessa in automatico sulla base di quanto risultante in anagrafe;
- alle utenze domestiche nel cui nucleo familiare siano presenti una o più persone che necessitano di ausili per l’incontinenza o per altre patologie mediche che comportino una rilevante maggior produzione di rifiuti. In questo caso l’utente deve chiedere l’agevolazione all’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Chiari in Piazza Martiri della Libertà n. 26.

 

Le tariffe deliberate per l’anno 2017

Le tariffe per l’anno 2017 sono state approvate dal Consiglio comunale il 14/03/2017. Si ricorda che la fattura emessa in acconto è stata calcolata  con le tariffe dell’anno 2016; eventuali differenze verranno conguagliate con il saldo (scadenza 31 luglio)

Tariffe utenze domestiche 2017 – parte base

Tariffe utenze domestiche 2017 – parte puntuale

Tariffe utenze domestiche 2017 – riduzioni tariffarie

Tariffe utenze NON domestiche 2017 – parte base

Tariffe utenze NON domestiche 2017 – parte puntuale

Tariffe utenze NON domestiche 2017 – riduzione sprechi alimentari

 

Quando e come si paga

Le scadenze della tariffa stabilite dal Regolamento sono il 31 marzo per l’acconto e il 31 luglio per il saldo. La parte della tariffa per eventuali svuotamenti dell’indifferenziato eccedenti sarà fatturata a conguaglio l’anno successivo a quello di competenza.

Il pagamento dell’importo deve essere effettuato mediante modello F24 (Chiari Servizi allega alle fatture modelli F24 precompilati ), presso il proprio istituto bancario o presso qualsiasi ufficio postale, oppure tramite i servizi telematici di home banking messi a disposizione dalla propria banca. Non è possibile effettuare il versamento presso lo sportello al pubblico.

 

L’applicazione dell’IVA

La Tariffa Corrispettiva è emessa e riscossa dal gestore del servizio ed è soggetta ad IVA ai sensi del DPR 633/1972. Questo non comporta un maggiore onere per l’utenza rispetto all’applicazione della TARI Tributo, in quanto con essa l’IVA era un costo per il Comune e doveva essere ripartito fra le utenze in fase di determinazione delle tariffe. Al contrario, l’applicazione dell’IVA rispetto alla TARI Tributo implica una riduzione dei costi per le aziende che possono portarla in detrazione.

Inoltre tutte le utenze, domestiche e non domestiche, otterranno un piccolo risparmio anche per quanto riguarda il Tributo Provinciale, calcolato sull’imponibile.

 

Il regolamento

Delibera Consiglio Comunale n. 68 2015 Regolamento IUC

Regolamento Chiari modificato in data 21.12.2016

 

Vecchi regolamenti tariffari

Clicca qui.

 

 

Menu